Alla ricerca delle lingue perdute: dal retico al venetico, dall’osco-umbro all’etrusco. A Verona seconda tappa del gruppo di ricerca europeo che censisce e valorizza le lingue frammentarie d’Europa

archeologiavocidalpassato

Tavoletta scrittoria con caratteri dell'alfabeto venetico conservata al museo Archeologico atestino di Este Tavoletta scrittoria con caratteri dell’alfabeto venetico conservata al museo Archeologico atestino di Este

La prof. Simona Marchesini, ricercatrice di Alteritas La prof. Simona Marchesini, ricercatrice di Alteritas

Alla ricerca delle lingue perdute: dal retico al venetico, dall’osco-umbro all’etrusco. Fa tappa a Verona la Seconda Training School promossa dal gruppo di ricerca europeo AELAW (COST Action “Ancient European Languages and Writings”) costituito nel 2014 per censire e valorizzare le lingue frammentarie d’Europa, di cui l’Italia detiene il primato con oltre 15mila iscrizioni in etrusco, osco, umbro, venetico, messapico, retico, camuno, leponzio e altre lingue di minore entità. A due anni dalla prima scuola di formazione sulle lingue frammentarie della Spagna preromana, tenutosi a Jaca (sui Pirenei), il progetto, finanziato dall’Unione Europea, fa ora tappa nella città scaligera dove dal 5 all’8 settembre 2016 al centro studi sulle interazioni tra popoli Alteritas con sede nel Seminario vescovile, la rete scientifica con capofila l’università di Saragozza, e composta da 24…

View original post 610 more words

Advertisements